Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra Informativa estesa cookie

OK Informativa estesa cookie

Verdi e Tartini rinnovano la collaborazione

Il Piccolo, 06/10/2016

 

Convenzione bis su abbonamenti, formazione degli studenti e rapporti con realtà internazionali

di Francesco Cardella

 

Nuovi progetti, maggior sostegno e ulteriori rapporti in campo internazionale. Su questa base la Fondazione Teatro Lirico "Verdi" e il Conservatorio di Trieste "Giuseppe Tartini" hanno siglato i termini della convenzione-quadro operativa, avviata già lo scorso anno. Confermando così anche per la prossima stagione gli accordi stipulati in chiave di valorizzazione e produzione, senza ignorare gli accenti della promozione turistica. Un percorso ispirato alla formula del "networking", ovvero il moderno concetto di rete, trama che include una maggiore intesa con le altre realtà del territorio che operano nel settore. Sul piano pratico, la rinnovata sinergia tra il "Tartini" e la Fondazione Lirico "Verdi" - ufficializzata con le firme del presidente del Conservatorio "Tartini", Lorenzo Capaldo e del Sovrintendente della Fondazione Teatro Lirico "Verdi" Stefano Pace - ribadisce alcuni dei punti chiave formalizzati nell'arco del primo anno sperimentale. Gli studenti del Conservatorio potranno infatti fruire di modalità speciali per quanto riguarda gli abbonamenti, i biglietti per gli spettacoli e gli accessi alle prove degli allestimenti realizzati (o coprodotti) dalla Fondazione. Tra le attività previste per gli studenti anche una serie di seminari a carattere formativo nel campo delle prassi fiscali/amministrative/contrattuali, concessione di spazi per eventi di divulgazione e produzione, coinvolgimento in determinate forme di collaborazione legate ai rami storiografici e musicologici. Dal canto suo il Conservatorio di Trieste pone sulla bilancia la condivisione di materiale strumentale, archivistico e bibliografico ma soprattutto un incentivo al sostegno delle imminenti tappe in cantiere. A proposito di nuove proposte, la stipula ufficiale dell'accordo ha racchiuso anche la presentazione del prossimo arrivo - sabato 8 ottobre ore 20 alla Sala Tripcovich - dell'orchestra sinfonica "Benso", formata da studenti della facoltà di musica di Belgrado e dell'Accademia delle arti di Novi Sad in Serbia. L'appuntamento, incluso nel tour di quattro date, (due quelle fissate in Italia) conferma la volontà di incentivare scambi e relazioni sul piano internazionale e di incrementare in futuro l'apertura ad altri generi e stili.

©RIPRODUZIONE RISERVATA