Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra Informativa estesa cookie

OK Informativa estesa cookie

Terzo Concerto Stagione Sinfonica 2017

Direttore: Marta Gardolińska
Pianoforte: Daniel Petrica Ciobanu

 

Il Terzo Concerto della Stagione Sinfonica vedrà sul palcoscenico del Teatro Verdi due giovani e attesi talenti, che confermano l'attenzione del Teatro verso le nuove generazioni d'artisti.
Marta Gardolińska, classe 1988, salirà sul podio rinnovando anche per la Stagione Sinfonica 2017 l'impegno del Teatro di ospitare un direttore d’orchestra donna emergente nel panorama internazionale; Gardolińska sarà affiancata dal pianista Daniel Petrica Ciobanu, classe 1991, che proprio a maggio di quest'anno si è classificato secondo all'Arthur Rubinstein International Piano Master Competition 2017 - che si svolge ogni tre anni in Israele ed è uno dei concorsi più prestigiosi a livello mondiale.
L'appuntamento è per venerdì 29 settembre alle 20.30 e sabato 30 settembre alle 18.00. Marta Gardolińska guiderà l'Orchestra in un programma raffinato, con musiche di Boccherini, Prokof'ev e Lutoslawski, quest’ultimo compositore con cui la Gardolińska condivide le origini, essendo entrambi nati a Varsavia. Commenta così Gardolińska il legame con il compositore polacco: "Lutosławski per i giovani musicisti polacchi è uno dei più importanti compositori insieme a Chopin, Szymanowski, Lutosławski, Penderecki. Provo molta ammirazione per lui perché è uno studioso di matematica e il suo approccio alla forma musicale, agli strumenti e alla notazione è straordinariamente chiaro e allo stesso tempo unico. Lo considero un mio punto di riferimento. Inoltre mi sento molto fiera personalmente in quanto originaria di Varsavia a mia volta!"
Gardolińska si è formata in alcune delle più importanti istituzioni musicali d'Europa e degli Stati Uniti, tra cui l'Università Musicale “Fryderyk Chopin” di Varsavia, l’Universität für Musik und darstellende Kunst di Vienna, il Cabrillo Music Festival e la Pierre Monteux Music School. Nel 2016 ha ricevuto la menzione d’onore e un Premio Speciale alla Witold Lutosławski Conducting Competition di Białystok in Polonia e ha vinto il Terzo Premio e il Premio Speciale alla Felix Mendelssohn International Competition di Salonicco. Lo stesso anno ha ricevuto un riconoscimento speciale per la divulgazione della musica e della cultura polacca all’estero. È inoltre borsista del Taki Concordia Fellowship per la stagione 2017-2019. Dall’inizio del 2017 è Direttore artistico e Direttore principale della TU-Orchester Wien.
Il pianista Daniel Petrica Ciobanu, nato in Romania, affronterà il celebre Terzo Concerto in do magg. Op. 26 di Sergej Prokof'ev, una delle composizioni del suo repertorio che ha eseguito nelle prove finali del Concorso Rubinstein e che lo ha portato al successo. Ciobanu ha iniziato gli studi musicali presso il Liceo musicale “Victor Brauner” di Piatra Neamt, Romania, e grazie alla borsa di studio “Constantin Silvestri” frequenta il prestigioso Stewart’s Melville College di Edimburgo, sotto la guida del Prof. Graeme McNaught. Nel 2010 entra al Royal Conservatoire of Scotland, vince il Primo Premio alla Moray Piano Competition e nel maggio 2011 è scelto del Maestro Lang Lang per esibirsi alla Royal Festival Hall, come giovane pianista emergente, in un concerto per 100 giovani pianisti e 52 pianoforti su palcoscenico.
L’apertura del concerto è dedicata alla Sinfonia in re min. Op. 12 n° 4 (detta La casa del Diavolo) di Luigi Boccherini. Composta nel 1771 e articolata in tre movimenti, si ispira alla ciaccona che conclude il balletto Don Giovanni di Gluck con la discesa agli inferi del protagonista ed è una composizione estremamente innovativa e personale rispetto le composizioni che l’autore, esponente di primo piano del classicismo, in quel periodo stava sviluppando.
Seguirà l’esecuzione del Terzo Concerto in do magg. Op. 26 di Sergej Prokof'ev, uno dei primi lavori della maturità del compositore russo, che si caratterizza per l’intensità dialogica tra il solista e l’orchestra in un tourbillon, nella parte centrale dell’esecuzione, di coloriture, stili, virtuosismi.
Nella seconda parte della serata, Gardolińska dirigerà il suggestivo e grandioso Concerto per Orchestra di Witold Lutosławski, una composizione realizzata nei primi anni '50 del novecento su commissione della Filarmonica di Varsavia.
Prossimo appuntamento il 13 e 14 ottobre con il penultimo concerto della Stagione con musiche di Paganini e Mahler diretto dal M° Kahchun Wong e con Sergey Krylov violinista fra i più famosi nel panorama internazionale. 
Ricordiamo, come di consueto, che per gli under 30 e i giovani di età compresa tra i 30 e i 34 anni ci sono delle promozioni speciali sui prezzi.