Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra Informativa estesa cookie

OK Informativa estesa cookie

Teatro Verdi di Trieste: approvata l’integrazione del Piano di Risanamento per il triennio 2016-2018.

 

Trieste, 26 luglio - La Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste compie un ulteriore fondamentale passo avanti verso il completamento del Piano di Risanamento.

È di questa mattina la comunicazione ufficiale da parte del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo dell’approvazione dell’integrazione del Piano di Risanamento per il triennio 2016-2018.

Il Decreto di approvazione, sottoscritto dal Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini e dal Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan, di fatto riconosce alla nostra Fondazione una posizione di eccellenza tra le Fondazioni impegnate a sostenere il percorso di risanamento, stabilendo due primati: quella triestina è la prima ad avere pienamente superato tutte la scadenze del primo Piano (2013/2016) ed è la prima a vedere approvato il nuovo Piano di adeguamento fino al 2018 (previsto dal decreto-legge 24 giugno giugno 2016, n. 113, convertito con modificazioni dalla legge 7 agosto 2016, n.160, in particolare art. 24 “Misure urgenti per il patrimonio e le attività culturali"), interamente redatto grazie a risorse interne, in un’ottica di contenimento dei costi.

Spiega il Sovrintendente Stefano Pace: “Ci tengo a sottolineare come la nostra Fondazione abbia scelto sin dal 2013 di non affidarsi a società esterne per la realizzazione di questo documento fondamentale per il futuro del Teatro: i Piani del 2013 e quello attuale sono stati redatti da un’ottima squadra che ringrazio, formata dal Direttore Generale Antonio Tasca e dal Direttore Amministrativo Denise Sfreddo con la supervisione del Vice Presidente Paolo Marchesi. Non posso non riconoscere nella mia veste di Sovrintendente che le professionalità che ho trovato a Trieste sia Artistiche che Tecnico-amministrative sono sicuramente a livello dei maggiori teatri europei e il Decreto di approvazione ne è un’ulteriore conferma”.

L’approvazione del nuovo Piano si affianca ai successi della Stagione appena conclusa, che ha registrato, per il secondo anno consecutivo, un incremento di pubblico, pari a +17% per le attività 2016-2017.