Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra Informativa estesa cookie

OK Informativa estesa cookie

Primo concerto Stagione Sinfonica 2017

Concerto Diretto dal M° Oleg Caetani

venerdì 15 settembre ore 20.30
sabato 16 settembre ore 18.00

 

Il ritorno del grande Direttore Oleg Caetani e un programma musicale calibrato sulla sua straordinaria sensibilità interpretativa: è da non perdere il prossimo appuntamento con il Cartellone della Stagione Sinfonica del Teatro Verdi di Trieste, venerdì 15 settembre alle 20.30 e sabato 16 settembre alle ore 18 , dopo il grandissimo successo dell'inaugurazione di domenica scorsa con il concerto fuori abbonamento di Ezio Bosso.

Oleg Caetani è un interprete raffinato ed elegante, profondo conoscitore del repertorio russo. Qui a Trieste dirigerà l'Orchestra del Verdi in un vero e proprio viaggio musicale, da Rossini a Wagner a Šostakovič. Il pubblico del Verdi è molto affezionato al Maestro Caetani, che con l'Orchestra del Teatro ha un rapporto di grandissimo affiatamento artistico. Caetani ha inaugurato la Stagione Sinfonica 2015, mentre nella scorsa Stagione Lirica è stato indiscusso e apprezzato protagonista di Les pêcheurs de perles di Bizet.

Allievo di Nadia Boulanger, Caetani ha studiato presso il Conservatorio di Roma e presso i Conservatori di Mosca e San Pietroburgo; si è diplomato in direzione d’orchestra con il celebre Maestro Ilya Mussin. Nel corso della sua carriera, oltre ad avere diretto diverse tra le migliori orchestre internazionali, ha conseguito tantissimi premi (il Concorso RAI di Torino, il Concorso Karajan di Berlino e il Premio Diapason D’Or per la registrazione delle Sinfonie di Tansman e delle Sinfonie di Gounod).
Il programma del Concerto abbraccia un repertorio che include due secoli e gioca di rimandi e citazioni: il punto di arrivo è la monumentale Quindicesima Sinfonia in la maggiore Op.141 di Dmitrij Šostakovič, ricca di allusioni ad entrambi gli altri autori proposti, Rossini e Wagner.
Il concerto si aprirà infatti con Gioachino Rossini e l'Ouverture da Guillaume Tell, che può essere definita una sintesi musicale del melodramma romantico dell’epoca per la nitida coloritura delle diverse atmosfere evocate e per la maestosità musicale, tipica del genere.

Si continua con un altro grande maestro del romanticismo, Richard Wagner di cui verrà eseguita Morgendämmerung - Siegfrieds Rheinfahrt da Götterdämmerung. Il Viaggio di Sigfrido sul Reno segue il duetto d’amore tra Sigfrido e Brunhilde: mentre l'eroe abbandona la rupe e discende il fiume risuonano e si mescolano tutti i temi più importanti della Tetralogia, segnalando l'addio al vecchio mondo e lo schiudersi di nuovi orizzonti.
Il concerto si concluderà con la grandiosa Quindicesima Sinfonia in la maggiore Op.141 di Dmitrij Šostakovič.
Šostakovič è un compositore molto caro a Caetani, che ne è uno dei massimi interpreti e conoscitori: Caetani ha curato la traduzione in tedesco del libretto de Il Naso per la produzione dell'opera a Francoforte nel 1991, oltre ad aver diretto nel 2007 la prima italiana dell'operetta Mosca, quartiere Čerëmuški e diverse prime di sue Sinfonie in tutto il mondo.

Ricordiamo che la campagna abbonamenti per la Stagione Sinfonica prosegue fino a sabato 15 settembre e che per gli under 30 e per la fascia d'età 30 - 34 anni ci sono promozioni speciali.