Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra Informativa estesa cookie

OK Informativa estesa cookie

IL VERDI IN CONCERTO - 6° CONCERTO

Il VERDI IN CONCERTO
Sesto appuntamento della ricca rassegna estiva

TEATRO LIRICO GIUSEPPE VERDI DI TRIESTE
SABATO 18 LUGLIO, ORE 21
DOMENICA 19 LUGLIO, ORE 11

Edward Elgar Serenata per archi op. 20
Edvard Grieg Due melodie elegiache per archi
Pëtr Il'ič Čajkovskij Serenata per archi op. 48

Konzertmeister Stefano Furini
Orchestra d’archi della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi

Sabato 18 luglio alle ore 21 e domenica 19 luglio alle ore 11, “Il Verdi in Concerto” la nuova rassegna estiva del Teatro Verdi di Trieste, propone il secondo appuntamento con l’Orchestra d’archi del Teatro diretta dal M° Stefano Furini, che dopo il concerto della passata domenica, completa questo breve percorso nel repertorio della musica per orchestra d’archi, due tappe a toccare i componimenti più celebri delle cosiddette Scuole Nazionali, espressioni del gusto più tipicamente romantico, profondamente ispirato della musica popolare e folkloristica. Il concerto di questo weekend è dedicato alla musica nordica.
Dell’inglese Edward Elgar verrà eseguita la Serenata per archi op. 20 composta nel 1892. Elgar è musicista di gusti molto raffinati e aristocratici e di schietta ispirazione, la sua musica è stata definita da “vero gentleman di campagna inglese”. Nella breve ma perfetta Serenata op. 20 esprime tutto il suo temperamento orchestrale di esemplare equilibrio, la sua scrittura chiara e suadente lontana dai fremiti più burrascosi del romanticismo di cui invece esprime la vena più lirica e una creatività che ricerca un cordiale e affettuoso dialogo con l’ascoltatore.
Del norvegese Edvard Grieg, le Due melodie elegiache op. 34, pagine di grande poesia inconfondibilmente legate al folklore scandinavo che si percepisce in particolare negli audaci e liberi accostamenti di accordi che riproducono i timbri degli strumenti popolari. Le due melodie composte nel 1881 sono un adattamento per una fluida orchestra d'archi di due precedenti Lieder, op. 33, dove i risultati sono ancora più originali.
Della vasta produzione di Čajkovskij ascoltermo la Serenata per archi op. 48, composta nel 1880, famosissima e molto amata dalla stesso autore che fin da subito ne fu molto soddisfatto. Si tratta in effetti di una composizione dove dominano una grazia ed un senso di serenità raramente riscontrabili in altre opere del maestro russo. All’ascolto la Serenata desta la sensazione di un’opera eseguita da un’intera orchestra; emerge l’ammirazione per Mozart, riscontrabile soprattutto nell’eleganza delle linee melodiche e che elabora l’impeto dei motivi melodici russi, in particolare nell’ultimo movimento. Celeberrimo il valzer del secondo movimento.
Dirige l’Orchestra d’archi del Teatro Verdi, nel doppio ruolo di direttore e primo violino – in una parola Konzertmeister – , Stefano Furini. Violino di spalla dell’Orchestra del Teatro Verdi dal 1990, si è esibito anche con altre prestigiose compagini musicali in Europa e in Italia in particolare con l’Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia, l’Orchestra del Teatro alla Scala, I Pomeriggi Musicali e Rai di Milano, l’Orchestra Stabile di Bergamo, l’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino. Interprete curioso e versatile, si è dedicato anche al repertorio di musica da camera e al repertorio contemporaneo, oltre che ai generi musicali più diversi come la musica da milonga. Si dedica regolarmente anche alla Direzione d’orchestra e oltre a quella del Teatro Verdi ha diretto l’Orchestra di Padova e del Veneto, la Filarmonica Marchigiana, l’Orchestra Sinfonica della Lombardia “G. Cantelli”; la Filarmonica Tito Schipa di Lecce.

Il concerto si svolge nel rispetto di tutti i protocolli anti covid19 vigenti, per la protezione dei lavoratori e del pubblico presente in sala; le attuali disposizioni limitano il numero di posti disponibili, i quali devono prevedere adeguato distanziamento sociale fra le poltrone occupate. Il concerto della domenica, nel quadro di Trieste Estate, sarà trasmesso in differita da Tele 4 in prima serata.
La biglietteria del Teatro Verdi è aperta fino a sabato orario 9-13 e domenica un’ora prima dell’inizio del concerto. Tutte le informazioni sono disponibili anche sul sito web www.teatroverdi-trieste.com

Biglietti da 20,00 € – 25,00 € – 30,00€