Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra Informativa estesa cookie

OK Informativa estesa cookie

Torna domani al Verdi il violino della fuoriclasse Francesca Dego

Il Piccolo, 13/10/2016

 

Francesca Dego ritorna a Trieste: il 5° Concerto della Stagione Sinfonica - in scena al Verdi domani alle 20.30 e sabato alle 18 - ospita la famosa violinista italiana, tra le migliori della sua generazione e dalla strepitosa carriera internazionale. Dego sarà impegnata nell'esecuzione di due trascinanti composizioni: la Symphonie espagnole per violino e orchestra op. 21 di E. Lalo e la Tzigane rapsodia da concerto per violino e orchestra di M. Ravel. Sul podio il Direttore statuni- tense Christopher Franklin, che nella seconda parte della serata guiderà l'Orchestra del Verdi in un imperdibile omaggio a Leonard Bernstein, con la Danze sinfoniche da West Side Story - moderna Romeo e Giulietta per il consueto omaggio shakespeariano - e l'Ouverture da Candide.

Classe 1989, il curriculum della Dego è straordinario, per riconoscimenti e formazione: ha studiato e suonato ovunque nel mondo. «Ma i momenti di svolta della carriera - dice - sono stati il contratto con Deutsche Grammophon, a 23 anni e la finale al Concorso Paganini». «Ma soprattutto - continua - lavorare con grandi musicisti e grandi direttori mi ha permesso di costruire una carriera in modo organico, tassello dopo tassello».

Tra i maestri che più l'hanno cambiata «sia come musicista che come persona» ricorda in particolare Salvatore Accardo e Shlomo Mintz, mentre tra i Direttori ne cita due particolarmente legati a Trieste: Donato Renzetti e Gianluigi Gelmetti.